Giorno 10: Isolamento?

Ultimamente sono in quella fase in cui anche se mi arriva un semplice messaggio, ho quasi timore di aprirlo. Ho paura della gente. O meglio, ho paura di ciò che comporta avere a che fare con la gente. Non mi spaventa la cattiveria, le critiche, i giudizi ma la rottura delle sfere di cristallo… enormemente!

Continua a leggere

Petralia: Eyes on me?

Allora, dicevamo, due punti: Raffaele Petralia, conduce lo stile di vita che vorrei condurre io; vive in un posto meraviglioso (non ve lo dico perché, se ci vado a vivere, voglio il deserto), con un mare magico, con cibo buonissimo, con la notte per fare musica, con un suo studio… mi chiedo cosa ancora sto a larvare nella bassha (con l’h) padana, in mezzo a nebbia e tristezza alcolica.

Continua a leggere

Leo Caleo: Asteroidi?

Riuscire a sgorgare i miei dotti lacrimali non è semplice, ma quando un pezzo… anzi, Leo Caleo, riesce nell’impresa di farti percepire un’effettiva sensazione di libertà, mi commuovo. Sì, perché la libertà mi commuove quasi quanto Dumbo.

Continua a leggere

Norman: E se ti chiamo?

Bravo Norman, perché le persone che mi conoscono bene, lo sanno quanto io ami trastullarmi nella mia aciditah (con l’h), ma le mie orecchie hanno sentito la combo giusta nei tuoi brani: una struttura logica, suoni ben fatti, melodie a cui aggrapparsi! E anche un pensiero!

Continua a leggere

J.C.: Fuori di me?

Però, vi avviso, la provocazione vi deve piacere, un po’ come quando ti servono la carbonara: la bestemmia non è il tofu al posto della ciccia. La bestemmia è l’uovo a frittata! Le uova le compro dal contadino, che ha le galline che scorrazzano facendogli il dito medio, quindi tutto sotto controllo.
Scusami J.C., recensione proprio scarsa, è che “Sono fuori di me”… dai, bannami!

Continua a leggere

Giorno 5: domande?

Non che le risposte siano da meno, intendiamoci. Anche le risposte possono essere un fiume di parole alla Jalisse oppure un grugnito… dipende anche dall’orario, forse. La mattina, la risposta unica, la risposta a tutti gli interrogativi, potrebbe anche essere il silenzio. Chi non ama il silenzio? Alla mattina? Prima, durante e dopo il caffè?

Continua a leggere

Mitumme: Pop?

Mitumme si fa sempre un sacco di domande ma sostanzialmente un gran pacco di c…i suoi, il ché la rende una gran persona e una grande artista in grado di trasmettere la sua prospettiva del mondo. Forse in tempi di grandi risposte, delle piccole osservazioni, ci fanno del bene.

Continua a leggere

Giorno 4: weekend?!

Queste parole potranno infastidire alcuni, altri invece, ne siamo certi, condivideranno questa opinione perché comprendono perfettamente che ogni competenza, ogni idea, ogni sforzo ha un valore… ed è bellissimo! 

Continua a leggere

Nick Nayxo: Save the night?

La mattina, appena sveglia, vorrei essere invisibile: non guardatemi, non salutatemi, non parlatemi e possibilmente odiatemi come io odio voi. Passa tutto dopo il caffè? No. Di solito, migliora verso le ore undici, ma non illudetevi che possa arrivare a provare simpatia…

Continua a leggere

Giorno 3: la nuova stagione

Facciamo così: che mettiamo in lista anche la ripresa dei concerti, delle serate in compagnia, che forse forse forse forse qualche brutta cosa ce la siamo persa per strada. Pensiamo positivo… ah no! Meglio di no! Birretta?

Continua a leggere